Crea sito

Cloverland Cooking

Il blog di ricette espresse e creative!

Ad Erice c’è una pasticceria storica ormai rinomata in tutto il mondo, la cui proprietaria, la signora Maria Grammatico è un nome che entrerà nella storia dell’arte pasticcera.

Ho origini siciliane, e  le genovesi ericine – dolcetto tipico della città di Erice in provincia di Trapani – mi ricordano la mia infanzia e le mie estati passate in Sicilia con i miei nonni,  i profumi e i colori di questa terra a cui sono così legata e che amo e nella quale torno sempre con immensa gioia.

Tra le tappe fisse, quando ritorno in Sicilia, non può sicuramente mancare un giro nella cittadina di Erice, un gioiellino incantevole in cui il tempo sembra essersi fermato e pare di vivere in un’altra dimensione passeggiando tra le stradine di pietra liscia piene di piccole botteghe di artigianato locale.

Così come mi è impossibile non fare una sosta (o due, o più?) alla pasticceria di Maria Grammatico dove vetrine tentatrici mostrano sfacciate dolci di ogni tipo e ogni forma e, tra questi, le mie adorate genovesi!!!

Ebbene, dopo aver passato anni ed anni a mangiare questi dolci ripieni di crema pasticcera, mi sono decisa a mettermi alla prova e preparare le mie prime genovesi, seguendo ovviamente la ricetta originale della signora Grammatico (con qualche piccola variazione)!

Il risultato? I miei nonni (trapanesi) si sono leccati ben bene i baffi e anch’io sono rimasta molto soddisfatta della mia creazione!

Eccovi la ricetta e la foto-ricordo  :)

Ingredienti (per circa 9 dolci)

Per la pasta frolla

125 g di farina di grano duro
125 g di farina tipo 00
80 g di zucchero
100 g di burro tagliato a pezzi
2 tuorli d’uovo
Qualche cucchiaio di acqua fredda

Per la crema pasticcera

1 tuorli d’uova
70 g di zucchero
20 g amido (di grano o di mais)
250 ml di latte

Preparazione

Per la crema. In un tegame, sbattere insieme il tuorlo e lo zucchero con una forchetta. Sciogliere l’amido in mezzo bicchiere del latte, poi aggiungerlo al latte rimanente, mescolando bene. Versare il tutto lentamente nel tegame con i tuorli, mescolando bene con un cucchiaio di legno. Variazione: a questo punto andrebbe aggiunta la scorza d’arancia, ma io ho preferito sostituire questo passaggio versando qualche goccia di essenza di vaniglia.
Cuocere a fiamma bassa, mescolando continuamente, per 10-12 minuti finché non diventi molto spesso, della consistenza di un budino. Una volta raggiunta la consistenza desiderata, togliere dal fuoco e lasciare raffreddare.

Per la frolla. Mescolare le due qualità di farina e lo zucchero in una terrina grande. Aggiungere i pezzetti di burro e incorporare schiacciando con un cucchiaio o con due coltelli. Incorporare i tuorli uno alla volta, e aggiungere tanta acqua quanto basta perché la pasta si riprenda. Versare su una superficie infarinata e formarne una palla. Maneggiare la pasta finchè non sarà liscia e si staccherà facilmente dalle mani. Avvolgere quindi la palla con la pellicola e lasciarla riposare in frigo per almeno 30 minuti prima di stenderla.

Per le genovesi. Con le mani arrotolare la pasta in filoncini di 2 cm di diametro. Tagliare in pezzi lunghi 8 cm e stendere ciascuno con il matterello per formare rettangoli di 15 x 10 cm e spessore di ½ cm circa. Mettere 2 cucchiai di crema al centro di ogni rettangolo, ripiegare l’altra metà, e premere tutto attorno ai bordi con le dita. Tagliare a cerchietto con uno stampino, un bicchiere o un tagliapasta. Sistemare i dolcetti su una teglia a distanza di circa 2,5 cm mentre si fa riscaldare il forno a 220° C. Informare e far dorare nel forno circa 7 minuti. Trasferire quindi su una griglia e spolverare con zucchero a velo.

Mangiatele ancora tiepide…sono ancora più buone!!!

genovesi ericine

genovesi ericine

una fetta

Vi piacciono le more? Oltre ad essere di stagione vale la pena comprarle per preparare questa torta morbida con cocco e more!

Una bontà :)

Ingredienti (per 6 persone):

300 g di more

100 g di ricotta

100 ml di panna fresca

2 uova

80 g di zucchero

100 g di cocco grattugiato

menta fresca

zucchero a velo (opzionale)

Preparazione (15 minuti):

Lavare le more, scolarle e tamponarle delicatamente.

Sbattere in una ciotola le uova con lo zucchero fino a renderle gonfie e spumose. Incorporate la panna continuando a lavorare con la frusta.

Aggiungere la ricotta poco alla volta, incorporandola dal basso verso l’alto. Aggiungere il cocco grattugiato, amalgamando gli ingredienti.

Preriscaldare il forno a 170° e rivestire una teglia da forno con carta forno bagnata e strizzata (io ho utlizzato uno stampo da plum cake).

Versare l’impasto e distribuirvi sopra le more facendole anche affondare.

A questo punto informare 25 minuti. Sfornare il dolce e, al momento di servire, decorarlo a piacere con lo zucchero a velo e foglioline di menta.

E’ o non è il dessert perfetto per una cena da fine estate?

torta morbida con cocco e more

torta morbida con cocco e more

una fetta

una fetta

 

Il libro di cucina da cui è tratta questa ricetta si chiama “Cucina essenziale”.

Effettivamente come potrebbe non essere essenziale saper fare un dessert sorprendentemente facile e infinitamente buono come questo? Da non credere quanto ci vuole poco per preparare questa mousse golosa al cioccolato che ogni volta mi fa scendere una lacrimuccia da quanto è buona!!! 😀

Ed è un piacere condividere ricetta!

Ingredienti (per 4 persone):

250 g di cioccolato fondente

50 g di burro

5 uova

sale

2 cucchiai di zucchero

Preparazione (30 minuti)

Far sciogliere a bagno maria il cioccolato con il burro mescolando per non far venire i grumi.

Separare i tuorli dagli albumi e montre questi ultimi a neve con un pizzico di sale. A parte battere i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere una consistenza spessa e cremosa.

Aggiungere la crema di tuorli al cioccolato e incorporare a poco a poco gli albumi senza mescolare troppo affinchè la mousse non si smonti.

Lasciare raffreddare in frigorifero per almeno 3 ore e… preparatevi ad assaporare una delizia di dessert!!!

mousse golosa al cioccolato

mousse golosa al cioccolato

Quanto mi piacciono i pomodori secchi! Vi suggerisco questa pasta saporita con piselli e stracchino e il tocco particolare del pomodoro secco. Un altro primo piatto ad effetto e gustoso da riproporre al prossimo pranzo tra amici!

Ingredienti

350 g di fusilli

200g di piselli sgranati

40g di pomodori secchi

1 scalogno

olio evo

sale grosso

pepe

Preparazione

Portare a bollore in una pentola l’acqua con il sale grosso. Tuffare i piselli e farli lessare 5 minuti.

Aggiungere i fusilli (o un altro tipo di pasta che vi piace) e portare a cottura.

Sbucciare intanto la cipolla e tritarla finemente; versare l’olio in una padella, aggiungere la cipolla e lasciare appassire 2 minuti aggiungendo 2 cucchiai di acqua.

Aggiungere nella padella lo stracchino a pezzi e lasciare ammorbidire e sciogliere per circa 10 minuti.

Una volta scolata la pasta, versarla nella padella dello stracchino e amalgamare bene gli ingredienti; se necessario unire qualche cucchiaio di acqua della pasta precedentemente tenuto da parte.

Prima di servire, distribuire sulla superficie della pasta i pomodori secchi sminuzzati con una spolverata di pepe e portare in tavola!

pasta saporita con piselli e stracchino

pasta saporita con piselli e stracchino

 

Un sabato pomeriggio pigro, di quelli grigi, di pioggia che non hai voglia di uscire e rimani piacevolmente in pigiama fino a tarda mattinata. E ora che si avvicina l’ora di pranzo, che cosa mi faccio venire in mente?

Vediamo che cosa si può fare con un ingrediente che ho in freezer e che avevo comprato tempo fa….un buon risotto con code di mazzancolle!!!

Ingredienti (per 2 persone)

200 g di riso arborio

100 g di gamberi

70 g di pisellini fini in scatola

1 scalogno

1 spicchio di aglio

1/2 bicchiere di vino bianco

2 cucchiai di olio extravergine di oliva

brodo vegetale

burro

sale

pepe

Preparazione (45 minuti)

Sgusciare i gamberi ed eliminate il filamento scuro. Metterli interi in un tegame  con l’olio extravergine di oliva e l’aglio, e farli rosolare per 5 minuti, mescolando ogni tanto con un cucchiaio di  legno.

 Bagnare con il vino e lasciare sfumare a fuoco vivace. Versare il brodo caldo precedentemente preparato (io uso il granulato vegetale, circa 1 cucchiaino per 250 ml di brodo)  e farli insaporire per altri  10 minuti, al termine filtrare e salare.

 Tritare nel frattempo lo scalogno e trasferirlo in una padella con una noce di burro:  far soffriggere a fuoco lento per qualche minuto. Versare quindi il riso e tostarlo per 1 minuto, mescolando.

A questo punto bagnare con 2 mestoli di brodo e far cuocere per altri 5 minuti, aggiungendo altro brodo man mano che viene assorbito. Unire i pisellini (io ho usato quelli surgelati) e le mazzancolle intere e far cuocere per altri 10-12 minuti. Quando il riso è cotto spegnere il fuoco,  pepare a piacere e mantecare con un’altra noce di burro. Semplice no?

risotto con code di mazzancolle

risotto con code di mazzancolle

Stasera ho improvvisato al volo i “dolcetti a modo mio” una ricetta che prende spunto dal ricordo dei “pasticciotti”, deliziosi dolcetti tipici della pasticceria salentina, con un cuore di calda crema pasticcera. I dolcetti a modo mio si fanno in 10 minuti e sono un’idea golosa da accompagnare con il te o una tisana a colazione, a merenda o anche per finire in dolcezza la giornata!

Che ne dite? Ecco come li ho fatti.

Ingredienti (per 8 dolcetti)

1 pastafrolla

2 cucchiai di zucchero

20 g di farina

2 uova

250 ml di latte

Procedimento (10 minuti)

Mettere i 2 tuorli in un tegame insieme allo zucchero e mescolare fino ad amalgamare. Incorporare la farina setacciata, a poco a poco continuando a mescolare.

A questo punto versare il latte a filo mescolando fino ad ottenere un composto liquido ed omogeneo. Quindi accendere il fuoco tenendo la fiamma molto bassa e iniziare a mescolare nello stesso senso e continuamente per evitare che si formino grumi nella crema.

Togliere la crema dal fuoco dopo circa 15 minuti o non appena si sia addensata e non si formino in superficie delle piccole bolle. Far raffreddare.

Rivestire 8 stampi da muffin con i pirottini. Stendere la pasta frolla e ricavare, aiutandosi con un bicchiere, 16 tondi.

Sistemare uno strato di frolla sul fondo di ciascun pirottino e, una volta che la crema sarà raffreddata, versarne 3 cucchiaini circa all’interno. Ricoprire poi con un altro tondo di frolla e continuare fino all’esaurimento della crema.

Spennellare poi ciascun dolcino con un composto ottentuo sbattendo un tuorlo in qualche cucchiaio di latte.

Infornare nel forno preriscaldato a 180° per circa 30 minuti o fino a quando la superficie non sia dorata.

Vi consiglio di mangiarli ancora tiepidi per apprezzare a pieno il cuore di crema!

dolcetti a modo mio

dolcetti a modo mio

 

Questa  ricetta è stata una bella scoperta: veloce veloce da preparare quando c’è poco tempo e tanta fame, ad esempio, come nel mio caso, dal ritorno dalla palestra con una fame da lupi! Vedrete che soddisfazione portare in tavola in soli 15 minuti un piatto prelibato!

Ingredienti (per 4 persone)

350 g di spaghetti

1 finocchio

120 g di salmone affumicato

1 porro

60 ml di panna da cucina

40 ml di olio di oliva

100 ml di brodo vegetale

1 ciuffo di finocchietto

sale

pepe

Preparazione (15 minuti)

Portare a bollore l’acqua in una pentola dove poi sarà cotta la pasta.

Nel frattempo eliminare  le radici al porro, la guaina esterna e la parte verde del germoglio e affettatelo sottilmente.

Lavare il finocchio, dividerlo in quattro e tagliarlo a fette sottili mettendo da parte i germogli.

Versare in una larga padela l’olio, aggiungere il porro e, mescolando, farlo appassire 1 minuto.

Nel frattempo scaldare il brodo in un pentolino (io l’ho preparato con un cucchiaino di granulato vegetale).

Aggiungere poi nella padella anche le fettine di finocchio, salare, mescolare e fare insaporire rigirando con un cucchiaio di legno.

Bagnare la preparazione con il brodo e cuocere circa 10 minuti. Tagliare a listarerlle il salmone.

Scolare gli spaghetti e trasferirli nella padella del condimento; aggiungere la panna, il salmone e lasciare insaporire qualche minuto a fuoco basso.

Decorare poi ogni porzione individuale con qualche ciuffo di finocchietto e servire caldo.

spaghetti con finocchi e salmone

spaghetti con finocchi e salmone

Per festeggiare il compleanno di un amico, oggi pomeriggio mi sono ritrovata a pensare a quale dolce ad effetto potessi cucinare ma non ho impiegato troppo tempo a far ricadere la scelta sull’ormai collaudatissima delizia di cheesecake al cioccolato!

E così adesso ammiro soddisfatta il mio cheescake, certa che domani festeggiato ed invitati apprezzeranno 😉

Bene, ora deve riposare in frigorifero fino a domani, nel frattempo vi scrivo la ricetta!

Ingredienti (per 8 persone)

150 g biscotti secchi al cacao e nocciole

100 g di nocciole sgusciate

100 g di burro

500 g di ricotta

100 g di zucchero

1 bustina di vanillina

100 g di gocce di cioccolato

100 ml di panna da montare

2 uova

20 g di cacao amaro

Preparazione (20 minuti)

Sciogliere il burro a pezzetti, a bagnomaria.

Tritare i biscotti e le nocciole finemente con un tritatutto elettrico, fino ad ottenere un composto omogeneo. Unire il burro sciolto.

Mescolare fino ad amalgamare tutti gli ingredienti. Versare il composto nello stampo, precedentemente foderato con carta da forno, premendo bene in modo da ottenere un disco uniforme. Mettere in frigorifero.

Scaldare intanto il forno a 180° e in una ciotola lavorare con una forchetta la ricotta scolata per ammorbidirla.

Unire insieme lo zucchero, le uova prima sbattute, la vanillina e incorporare delicatamente la panna montata a neve. Mescolare finché gli ingredienti siano ben amalgamati.

Aggiungere 2/3 di gocciole di cioccolato e versare il composto sulla base dei biscotti, livellando.

Infornare per 40 minuti  circa e, una volta sfornato, far riposare in frigo, coperto, almeno 30 minuti o fino al momento di servire.

All’ultimo momento, prima di portare in tavola…

Sformare il dolce sul piatto da portata, spolverizzate il cacao amaro sulla superficie e cospargere con le gocce di cioccolato rimaste.

delizia al cioccolato

delizia al cioccolato

Ingredienti

2 melanzane

400 g di macinato di manzo

5 pomodori pelati

1 cipolla bianca

1 spicchio d’aglio

60 g di parmigiano

150 g di farina

200 ml di besciamella pronta

500 ml di olio di semi

5 cucchiai di olio extravergine di oliva

sale

2 foglio di alloro

Preparazione (1 ora)

Scaldare 5 cucchiai di olio extravergine di oliva in una padella, rosolare la cipolla e l’aglio, unire la carne trita e mescolare.

Aggiungere i pomodori, salare e continuare la cottura per 30 minuti.

Lavare nel frattempo le melanzane, asciugarle e affettarle con uno spessore di circa 1 cm. Metterle quindi in acqua salata con 2 cucchiai di farina bianca per eliminare l’amaro. Dopo qualche minuto scolarle, asciugarle bene con un telo da cucina e iniziare a riscaldare il forno a 180°.

Scaldare l’olio di semi in una padella a bordi alti e friggere le melanzane precedentemente infarinate. Scolare poi le melanzane e tamponare l’olio in eccesso con carta assorbente da cucina.

Allineare poi in una pirofila uno strato di melanzane e successivamente distribuire uno strato di ragù, continuando ad alternare fino a teminare gli ingredienti.

Coprire con la besciamella e spolverizzare con il parmigiano.

Infornare infine per 30 minuti in forno a 180° e…ammirare orgogliosamente il risultato!!!

Moussakà

moussakà

Quest’estate ho passato le vacanze nella mia amata, incantevole, ospitale, gastronomica Sicilia!

Una sera, in un ristorante sul mare ho mangiato uno strepitoso piatto a base di pesce spada che ho inserito nella  top 20 dei miei piatti preferiti: gli involtini di pesce spada ripieni!!!

In ricordo di quella vacanza e di quel pesce spada (di cui probabilmente non scoprirò mai la ricetta) ho deciso di pubblicare una ricetta simile dove protagonisti sono sempre degli involtini di spada ripieni, presentati in una variante dal sapore mediterraneo…

Ingredienti

600g di pesce spada tagliato a fette sottili

100 g di pangrattato

20 g di capperi sottaceto

30 g di olive nere

1 spicchio di olive

300g di pomodori freschi

80 ml di vino bianco secco

4 cucchiai di olio di oliva

sale

Preparazione (15 minuti)

Sciacquare i capperi, scolarli e tamponarli con la carta assorbente.

Scolare le olive snocciolate e sminuzzarle insieme ai capperi,

Sbucciare l’aglio. Lavare i pomodori, tagliarli a metà, eliminare i semi e ridurli a dadini.

Raccogliere gli ingredienti in una ciotola con metà pomodori e aggiungere 80 g di pangrattato con 1 pizzico di sale e metà dell’olio.

Stendere le fette di pesce spada e suddividere in ciascuna un cucchiaio di ripieno. Avvolgere le fette ad involtino e fissarli con uno stuzzicadenti.

Versare l’olio rimasto in una padella, aggiungere l’aglio e gli involtini e ricoprirli con il parmigiano e il pomodoro rimasti da parte.

Fare insaporire a fuoco medio e rigirarli con una paletta. Bagnare con il vino bianco e, alzata la fiamma, lasciare sfumare 5 minuti.

Abbassare dunque la fiamma, salare e cuocere ancora 3 minuti.

Il pesce spada è servito!

involtini di pesce spada ripieni